RAVENNA HOLDING: L’ENTUSIASMO AL POTERE

Ravenna Holding è la cassaforte dei comuni di Ravenna, Russi, Faenza e Cervia oltre che della Provincia di Ravenna. Un giocattolino di cui il nostro comune controlla circa il 77% del capitale. La società ha il totale controllo della società di onoranze funebri ASER e della società di riscossione tributi Ravenna Entrate. Non basta. Detiene quasi per intero Ravenna Farmacie (gli altri soci con quote di assoluta minoranza sono altri comuni della provincia). Di Azimut (cimiteri, verde pubblico, bagni pubblici, disinfestazione, sosta) possiede quasi il 60% dopo la vendita ad alcune cooperative di fiducia dell’altro 40% (Consorzio Antares partecipato da Ciclat e altri). E poi c’è la Sapir di cui è la principale azionista (con quasi il 30%). Sapir è il più grande terminal del porto che a sua volta controlla un bel gruppone di società. Tra queste spiccano altri due grandi terminal: il terminal container (TCR) e quello che si affaccia su largo Trattaroli (Terminal Nord). Sapir, poi, ha il pressoché totale controllo dei terreni ancora disponibili del porto (tra cui quelli di una delle future piastre logistiche) e gode di una rendita di posizione considerevole affittando delle casse di colmata all’Autorità Portuale. Considerati i soci portuali privati (Compagnia Portuale, Eni, Gruppo PIR) dalla Sapir passa il controllo del porto. Un altro 30% è la quota di controllo da parte di Ravenna Holding di Romagna Acque – Società delle Fonti: è la prima socia della società gestrice unica delle fonti idropotabili della Romagna (non della distribuzione, controllata invece dalla multiutility Hera a dispetto del referendum del 2011). Con il 25% è poi la maggior socia anche di Start Romagna ossia dei trasporti pubblici della Romagna. E poi ha anche il 21% di Acqua Ingegneria, un curioso oggetto tirato fuori da Sapir che non sapeva più come utilizzare i propri progettisti e allora li ha piazzati “al pubblico”. Gli altri soci sono l’Autorità Portuale e Romagna Acque. Concludono le “proprietà” un bel 5% della multiutility Hera e quote di testimonianza nelle ferrovie regionali.

Solo persone di stretta fiducia del PD possono sedersi sullo scranno più alto di Ravenna Holding. In passato è toccato a Elio Gasperoni, già nello staff del Sindaco Mercatali. Lo sostituì Carlo Pezzi, già assessore di Mercatali e poi passato a Romagna Acque. Ora è la volta di Mara Roncuzzi, anche lei dello staff di un Sindaco, questa volta de Pascale. E prima cosa aveva fatto? Assessora provinciale. Altri lavori svolti da tutte e tutti prima di diventare Presidente e Amministratore di Ravenna Holding? Tutti politici nati. Sulla falsariga dell’attuale Sindaco, del resto. E di quello precedente. E di quello prima ancora.

È possibile che il principale requisito per gestire Ravenna Holding sia quello, praticamente solo quello, della fedeltà al Sindaco di Ravenna? Parliamo della cassaforte di Ravenna, dentro cui si trovano tutti i “gioielli di famiglia”, quella da cui si dovrebbero ricavare le risorse e che dovrebbe servire a sviluppare azioni sul territorio. No, secondo noi di Ravenna in Comune non dovrebbe essere possibile. Il bene del nostro Comune richiederebbe il possesso di accertate capacità professionali per ruoli di tale respiro.

Un precedente Sindaco, intervistato per un servizio poi andato in onda sulla terza rete RAI, circa una discussa nomina a consigliere di Hera, qualche anno fa si espresse così sul nominato: «Beh, in effetti il curriculum è un po’ scarno… Ma nella scelta di figure di questo tipo, prima della competenza, che naturalmente è indispensabile, scelgo persone che abbiano il talento, cioè la capacità e la passione per fare quell’incarico. Non so se l’ho detto, che è stato anche segretario del Partito Democratico». Non ci sembra che siano stati fatti molti passi in avanti da allora.

Noi di Ravenna in Comune pensiamo che, in genere, alle persone “normali” la passione e la fedeltà nel curriculum non bastino per trovare un lavoro “normale”.  Siamo certi (e crediamo lo pensi anche la maggior parte delle elettrici e degli elettori) che lo stesso dovrebbe valere a maggior ragione per lavori “speciali” come quello di Presidente e Amministratore di Ravenna Holding.

#RavennainComune #Ravenna #RavennaHolding #amministrative2021

____________________________________

Mara Roncuzzi sarà la nuova presidente di Ravenna Holding

Fonte: Ravenna&Dintorni del 2 luglio 2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: