QUEL RELITTO INAMOVIBILE CHE AMMORBA LA VALLE

Condividiamo ogni singola riga dell’editoriale di Fausto Piazza su Ravenna & Dintorni. Liberare la Piallassa del Piombone dal relitto della Berkan B e dagli altri natanti semiaffondati del cimitero delle navi dovrebbe essere una priorità dell’Amministrazione. Abbiamo portato tante e tante volte il tema sia in Consiglio Comunale che in Commissione Consiliare ma non abbiamo ricevuto attenzione né dal Sindaco né dalla Giunta. Ribadiamo qui la conclusione a cui perviene il giornale:

«L’unica mossa convinta e determinata per ora l’hanno fatta diversi gruppi ecologisti, da Italia Nostra a Legambiente al Wwf che hanno deciso di costituirsi parte civile nel caso di un processo. Siamo ai limiti dell’assurdo che siano dei volontari, privati cittadini in fondo, ad avere veramente a cuore un bene comune e non come sarebbe più sensato le istituzioni pubbliche a cui è demandata costituzionalmente la tutela della natura, la difesa dell’integrità delle acque e del suolo e della salute dei cittadini.

Se questi sono i presupposti della “transizione ecologica” ravennate, visto che si dovranno affrontare altri temi industriali ed energetici di ben più elevata dimensione e importanza, allora c’è da temere che sarà una lunga traversata del deserto».

[L’immagine è di Italia Nostra. La fotografia è stata scattata nel mese di gennaio 2019]

#MassimoManzoli #RavennainComune #Ravenna #BerkanB #PiallassaPiombone

___________________________________________________

Quel relitto inamovibile che ammorba la valle

Fonte: Ravenna&Dintorni del 5 aprile 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: