IL GOVERNO SI STA SBAGLIANDO: UN APPELLO PER UN’AZIONE COMUNE!

Ieri è entrato in vigore l’ultimo, in ordine di tempo, dei decreti emanati in successione dal Governo per contenere la diffusione della pandemia. La pandemia è un problema reale. L’abbiamo toccata con mano. Nessuno spazio va lasciato ai negazionismi fantasiosi, sia in buona fede che strumentali. Detto ciò è evidente che le ultime misure colpiscono particolarmente attività umane che solo erroneamente possono essere considerate come non essenziali. Sono invece qualificanti per una vita non ridotta alla sola produzione e consumo di beni. Inoltre stravolgono le vite stesse delle lavoratrici e dei lavoratori che con lo svolgimento di quelle attività ricavano di che vivere. Con pieno diritto, dunque, ci rammarichiamo delle scelte fatte dal Governo che non possiamo condividere. Si colpiscono semplicemente luoghi dove è più facile intervenire rispetto ad altri, come i trasporti pubblici, dove le amministrazioni centrali e locali non sono state in grado di agire tempestivamente dopo anni di riduzione delle risorse dedicate.

Ieri le lavoratrici e i lavoratori di alcuni dei settori più interessati negativamente dalle nuove misure hanno democraticamente e pacificamente protestato nella piazza principale della nostra città. Ravenna non si è dovuta confrontare con nessuna delle violenze che si sono invece viste in altre città. Questo però non vuol dire che non ci sia rabbia per quanto è percepito come un’ingiustizia. Non deve essere lasciato cadere nel vuoto il messaggio di ieri.

Come Ravenna in Ci lavoratori di alcuni dei settori più interessati negativamente dalle nuove misure hanno democraticomune ci dichiariamo sin d’ora disponibili ad un’azione congiunta alle altre forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale per condividere con immediatezza una duplice serie di azioni:

  • nei confronti del governo affinché prenda atto degli errori compiuti adeguando di conseguenza le politiche e gli interventi fin dalle prossime settimane,
  • nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori interessati perché, per quanto di competenza dell’Ente locale, si operi per un alleggerimento della grave situazione creatasi.

Confidiamo che proprio in occasioni come questa si riesca a dimostrare l’utilità dell’azione politica ed anche la coesione di forze politiche pur distanti tra loro per obiettivi e ideologie.

Massimo Manzoli

capogruppo di Ravenna in Comune

_________________________________________

Nuovo Dpcm, la protesta partita dalle palestre riempie Piazza del Popolo

Fonte: RavennaWebTv del 26 ottobre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: