L’ULTIMO SPIRO

Siamo in attesa di scoprire se il bollettino della qualità dell’aria che verrà diramato domani consentirà di far venir meno le misure emergenziali, rituali ed inefficaci, sia sul piano simbolico che pratico, in vigore da martedì scorso.

Intanto registriamo che, oltre alla nostra preoccupazione ed allarme, si sono aggiunti gli avvertimenti di Legambiente. Riportiamo integralmente quello del circolo Matelda di Ravenna:

«Nel 2019, Ravenna ha superato abbondantemente il limite di 35 sforamenti massimi delle PM 10 totalizzando complessivamente 51 sforamenti alla centralina di via Zalamella e arrivando già a quota 10 sforamenti nei primi giorni del 2020.  Una situazione persistente, tanto che ad oggi sono entrate di nuovo in vigore le misure di emergenza.

Quella dell’emergenza smog è una problematica cronica su cui non è più possibile fare sconti. Servono misure strutturate sia a livello di bacino padano, che di singole città.

Gli obiettivi definiti dal PAIR2020 sono ormai alle porte, ma i risultati non evidentemente sufficienti ad affrontare la dimensione del problema. Da qui, la necessità di sviluppare soluzioni immediatamente efficaci da parte delle amministrazioni locali.

È necessario sviluppare scelte coraggiose nell’ambito della mobilità sostenibile. Scelte su cui le amministrazioni locali possono fare molto sviluppando gli obiettivi dei Piani della Mobilità Sostenibile ad esempio, realizzando nuove infrastrutture ciclabili, ampliando le zone pedonali, le ZTL oppure emanando ordinanze restrittive nella circolazione dei mezzi più inquinanti (diesel euro 4) o finalizzate a limitare il riscaldamento degli ambienti, spesso eccessivo, anche attraverso operazioni di efficientamento energetico.

A Ravenna potrebbero essere tante le linee di intervento: implementare “zone 30” all’interno della città, limitare l’accessibilità con le auto in prossimità delle scuole durante le entrate e uscite degli studenti, stimolare i negozi a mantenere chiuse le porte dei propri esercizi.

In particolare, vogliamo portare l’attenzione al parco mezzi attualmente in uso per la raccolta dei rifiuti in centro storico: ape-car spesso non al passo coi tempi che potrebbero venire piuttosto sostituiti da un ammodernamento del parco mezzi valutando l’elettrico, a carico del gestore rifiuti.

Inoltre, riteniamo fondamentale limitare la circolazione e l’ingresso delle auto in centro storico: un’operazione realizzabile rinunciando all’ampliamento di alcuni parcheggi in centro, come ad esempio l’ampliamento in previsione del parcheggio di via Renato Serra e parallelamente favorendo il collegamento coi parcheggi scambiatori anche attraverso la promozione di misure tariffarie agevolate».

Del Sindaco Michele de Pascale, invece, si sono perse le tracce quando si parla di qualità dell’aria, sicurezza ambientale, tutela della salute della cittadinanza. Più facile di questi tempi trovarlo alla presentazione dei candidati del PD alle prossime elezioni regionali. Dove però dei rischi del modello di sviluppo è impopolare parlare: meglio le affermazioni indimostrabili su quanto faccia bene all’ambiente trivellare idrocarburi gassosi. Che, se non altro, fanno contenti gli influenti poteri forti nazionali e locali che fanno affari con l’industria del carbone fossile. E che esprimono direttamente candidati legati mani e piedi agli interessi dell’oil&gas. Quelli stessi presentati con tutti gli onori dal Sindaco. E così il cerchio si chiude.

Rimangono fuori solo le dichiarazioni di emergenza climatica e le comparsate fra i ragazzi dei Fridays for Future che, per il momento, nell’agenda del Sindaco possono aspettare.

Che invece i provvedimenti a salvaguardia del nostro futuro non possono aspettare, sono anche i bollettini sulla qualità dell’aria a ricordarcelo…

#MassimoManzoli #RavennaInComune #Ravenna #smog #inquinamento #oil&gas

_____________________________________________________

Emergenza smog. Legambiente Ravenna

Sorgente: “Basta parcheggi, si pedonalizzi il più possibile il centro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: