CI VOLEVA IL MORTO?

Ieri c’è quasi scappato il morto. Una di quelle cose che non dovrebbero mai succedere e invece è successa. Poco dopo le 9, un’agente della polizia locale che si trovava nel suo ufficio all’interno della sede di Piazzale Mameli è stata investita dal crollo di una porzione di soffitto. La lavoratrice è stata colpita a una spalla e, per pura fortuna, non ha riportato lesioni gravi: centrata a una spalla da un calcinaccio staccatosi da un’altezza di circa tre metri dalla parte interna del tetto e del peso di circa mezzo chilo, se la caverà con una prognosi di quattro giorni. Le cause del crollo sono ancora al vaglio dei funzionari comunali. Per prima cosa, dunque, la nostra solidarietà va alla lavoratrice, infortunata per cause di lavoro. Lo abbiamo detto tante volte: non ci sono cause imprevedibili. Anche in questo caso si poteva e doveva evitarlo. 

Anche perché in quegli uffici non ci sarebbe dovuto essere più nessuno, stando alle previsioni della presente e passata Amministrazione Comunale. La temporaneità dell’assetto attuale era stata confermata da de Pascale nel suo programma elettorale. L’ipotesi infatti era di un trasferimento della Polizia Municipale al completo in Via delle Industrie, nell’ambito di un progetto di lottizzazione di tutta l’area all’epoca di ATM (ora START ROMAGNA) comprensivo anche di una quota di “edilizia residenziale”. 

Nell’estate 2018 de Pascale era stato costretto a rinunciare e da lì in avanti era seguito un balletto di rinvii. A gennaio era stato fissato all’estate 2019 il termine ultimo per una decisione. Termine poi scaduto inutilmente. Fino al crollo di ieri.

“Esprimo la mia solidarietà all’agente della Polizia locale che questa mattina durante il servizio purtroppo è stata vittima di un infortunio causato dal cedimento di una porzione del soffitto del suo ufficio – ha dichiarato giovedì il Sindaco. – Fortunatamente l’agente non ha riportato lesioni gravi. Sono consapevole che l’attuale sede della Polizia locale sia ormai inadeguata e per questo motivo come amministrazione ci siamo presi l’impegno di individuarne una nuova che sia adatta alle esigenze e capace di accogliere l’intero comando. Posso già annunciare che la nuova sede è stata individuata e che le risorse per finanziare l’intervento sono state reperite. Giovedì 21 novembre alle ore 12 in Municipio convocheremo una conferenza stampa in Municipio per comunicare il luogo della nuova sede della Polizia locale e di illustrarne tutti i dettagli del progetto di intervento”.

Certo che prima di una conferenza stampa sarebbe bene illustrare il progetto al Consiglio Comunale, ma ci auguriamo che il passaggio sia saltato dalla comunicazione del Sindaco per la concitazione del momento. Insomma, che questa volta vada diversamente dalle altre, in cui il Sindaco ha preferito l’assolo senza contraddittorio al dibattito democratico.

Giusto una considerazione in conclusione. Temporanea è la sede di Piazza Mameli ex Caserma Vigili del Fuoco in attesa del trasferimento più volte annunciato (inidonea del resto fin dalla sua istituzione, da che la Polizia Municipale vi fu collocata dagli uffici di via IV novembre). Temporanea anche l’altra sede dell’ex Dogana, in via d’Alaggio in Darsena, pure in attesa del trasferimento più volte annunciato. Ma è mai possibile che per decidersi la Giunta dovesse aspettare che si facesse male qualcuno?

#MassimoManzoli #RavennaInComune #Ravenna #PoliziaMunicipale

______________________________________________________

Crolla il soffitto nell’ufficio di Polizia locale, ferita un’agente. Il sindaco: “Presto una nuova sede”

Sorgente: L’inadeguatezza delle sedi attuali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: