CLASSIFICHE E SALUTE

Ravenna è 70esima nella classifica della salute del Sole24ORE. Si sa che le classifiche sono una risultante di più indici combinati tra loro. Quella di cui parliamo mette assieme tasso di mortalità, mortalità per tumore e per infarto miocardico, aumento della speranza di vita, consumo di farmaci per asma e broncopnumopatia, consumo di farmaci per diabete e ipertensione, medici di base, pediatri e geriatri, recettività e emigrazione ospedaliera. Come capita, qualche indice vede Ravenna “messa meglio” e qualche altro “messa peggio” rispetto ad altre province della Penisola. Dopodiché si tirano le somme e ne viene fuori un risultato “sotto la media” per Ravenna. https://lab24.ilsole24ore.com/indice-della-salute/indexT.php
Uno tra tutti, però, ci ha colpito. Si tratta della mortalità per tumore: 82esima su 107. Il periodo di riferimento è quello 2012-2016 e ha riguardo all’indice di mortalità per 1.000 abitanti. Nel 2016 (ad oggi ancora l’anno con il dato più aggiornato) i ravennati deceduti in provincia per neoplasie sono stati 1.250, addirittura il 27,6 per cento dell’intero totale di decessi registrati a Ravenna nello stesso anno. E si tratta di dati costanti: 1.254 nel 2015 e 1.357 nel 2014. 
In un arco temporale di dieci anni, i vari tipi di cancro hanno strappato la vita a oltre 14mila ravennati. 
Quello che però va particolarmente sottolineato è che, in particolare, i decessi riguardano una tipologia specifica di neoplasia, ossia quella a trachea, bronchi e polmoni. Le vie respiratorie: amianto e inquinamento! Oltre al fumo, naturalmente. https://www.corriereromagna.it/news-ravenna-32845-tumori-a…/
Ci colpisce, dicevamo. Ma non possiamo dirci stupiti. Sulla qualità dell’aria di Ravenna pesano una molteplicità di fattori. Dal traffico dei mezzi a motore alle emissioni in atmosfera industriali, residenziali e anche degli impianti di trattamento rifiuti. Anche il porto e la movimentazione e lo stoccaggio delle merci polverulente giocano un loro importante ruolo. Ecco, però, per tutto questo la politica, la “buona politica” gioca un ruolo determinante. Il cosa si progetta di fare in un arco temporale non limitato alla stagione prossima ventura è fondamentale. E qui, lasciatecelo dire, evidentemente, pesa la “cattiva politica” ravennate. Ci capita spesso di affrontare separatamente i diversi temi che concorrono a farci dire allarmati per la qualità dell’aria. Tutti messi assieme danno il dato dei tumori con l’elevata incidenza di quelli che colpiscono le vie respiratorie. Si svegli la Giunta: la continuità con il passato, determinata dalla continuità nelle forze di governo del territorio, ha prodotto ciò che respiriamo oggi. E continuerà a darci la mal aria di domani. Cambiamo di segno per vivere di più e meglio!
#MassimoManzoli #RavennaInComune #ravenna #salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: