CMC E I SOLDI DEL PONTE

Domani c’è l’assemblea dei soci (indetta in seconda convocazione) per decidere sul piano “lacrime e sangue”, ma intanto CMC assieme a Impregilo Sacyr, Condotte d’Acqua, Ishikawajima-Harima Heavy Industries Co. Ltd. e Argo Costruzioni, con cui aveva costituito il consorzio Eurolink, vuole i soldi del ponte. Quello mai fatto. La vacca da mungere: il ponte sullo stretto di Messina. 
Il tribunale ha dato torto al consorzio in ottobre, ma CMC e soci hanno deciso di provare ad appellare la sentenza. 700 milioni più rivalutazione e interessi per non aver fatto niente: questa la richiesta (già bocciata in primo grado) al Ministero di Toninelli. Perché è su montagne di soldi che si è creato il sistema delle grandi opere inutili. Fragili montagne tufacee che si stanno sgretolando. Assieme a CMC.

[Nella foto, il tristemente noto crollo del viadotto Scorciavacche sulla Statale Palermo-Agrigento, avvenuto nel Natale del 2014, poco dopo la sua inaugurazione, quello sì realizzato da CMC attraverso l’associazione temporanea d’imprese Bolognetta]
#MassimoManzoli #RavennaInComune #ravenna #cmcravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: