LAVORARE CON LENTEZZA

Venerdì all’azienda Resin Plast alla periferia di Ravenna è andato in scena l’ennesimo spettacolo di fantasia dal titolo “incidente sul lavoro”. 
Sceneggiatura: due tecnici, di una ditta esterna, stavano facendo lavori di manutenzione quando è esploso il quadro elettrico al quale stavano lavorando. Un 26enne è stato investito in pieno dalla deflagrazione mentre il collega è stato colpito in maniera più marginale. Immediata la richiesta di intervento del personale medico, arrivato sul posto con due ambulanze, auto medicalizzata ed elisoccorso. Il 26enne è stato stabilizzato sul posto e trasportato con un codice di massima gravità all’ospedale Bufalini di Cesena, mentre ha riportato ferite di media gravità l’altro operaio che è stato trasportato con l’ambulanza al Pronto Soccorso di Ravenna. 

Lo ribadiamo. L’incidente sul lavoro non esiste: è un’invenzione fantastica per distrarre dal reale. Si muore, si resta feriti, perché si è violato il principio che dovrebbe impedire al rischio oggetto di valutazione di rendersi effettivo. 


Lo sapeva bene Enzo Del Re quando cantava:
Lavorare con lentezza senza fare alcuno sforzo
chi è veloce si fa male e finisce in ospedale
in ospedale non c’è posto e si può morire presto
Lavorare con lentezza senza fare alcuno sforzo
la salute non ha prezzo, quindi rallentare il ritmo
pausa pausa ritmo lento, pausa pausa ritmo lento
sempre fuori dal motore, vivere a rallentatore
Lavorare con lentezza senza fare alcuno sforzo
ti saluto ti saluto, ti saluto a pugno chiuso
nel mio pugno c’è la lotta contro la nocività”.


#MassimoManzoli #RavennaInComune #ravenna #lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: