Rifugiati e profughi. E’ possibile andare oltre l’emergenza?

Chiede la Rete Civile contro il Razzismo e la Xenofobia in una lettera aperta al Prefetto e al Sindaco. A Ravenna come in moltissime altre città continua l’afflusso di profughi principalmente pakistani che ,arrivando via terra attraverso i Balcani , non rientrano nella rete di protezione predisposta per Mare Nostrum. E’ evidente che la risposta delle istituzioni e delle reti di accoglienza non può essere quella di invitare i profughi a spostarsi altrove. Se guardiamo cosa succede in questi giorni a Modena, a Biella, a Macerata, è chiaro che un altrove non c’è. Le istituzioni devono fare la loro parte e garantire un cornice istituzionale che garantisca una prima accoglienza di bassa soglia, entro cui la cittadinanza attiva, l’associazionismo e il volontariato possano fare la loro parte. E devono farlo uscendo dall’ottica dell’emergenza e delle soluzioni improvvisate. Non deve prevalere la paura che ne “arrivino degli altri” , il timore che la nostra città non sia in grado di esprimere solidarietà, ma solo paura e razzismo. Ravenna ha una storia sociale e politica di accoglienza e solidarietà che non deve essere tradita

di: Raffaella Sutter
Fonte: Raffaella Sutter – Pagina Facebook

One comment to “Rifugiati e profughi. E’ possibile andare oltre l’emergenza?”
  1. Brava dottoressa Sutter, hai perfettamente ragione.
    Io aggiungerei però che se la cittadinanza si attivasse di più “in proprio”, senza aspettare e delegare tutto alle istituzioni, la situazione si affronterebbe molto meglio e quelle persone si sentirebbero meno abbandonate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: