Sulla vicenda della logistica portuale, il futuro del porto è “fuori tema”

Sull’ampliamento dell’area della logistica portuale, davvero non si vuole dire le cose come stanno, tant’è che Sindaco e maggioranza hanno parlato d’altro e voluto secretare una parte della seduta del Consiglio Comunale. Sul punto, in verità, non è irrilevante il fatto che una parte della maggioranza, il Pri, abbia tenuto in Consiglio un atteggiamento assolutamente defilato.
Se non tutti i consiglieri che hanno votato l’ampliamento di quell’area potevano essere a conoscenza – e quindi tratti in inganno – della non conformità dell’intervento ai vicoli urbanistici, questi non potevano però sfuggire a chi, nell’Amministrazione, ha specifici ruoli di controllo. Un ampliamento dell’ambito portuale fuori dal suo perimetro per invaderne un altro non è infatti consentito.
Si potrebbe invece osservare che la questione urbanistica è esplosa quando è apparso chiaro che quell’area, più che a servire ad ampliare l’area logistica portuale sarebbe intanto stata sfruttata per scaricarvi i fanghi del porto.
C’è da credere che i funzionari coinvolti probabilmente non siano stati corrotti, ma semplicemente soverchiati da una sorta di condizionamento ambientale: quello che alcuni consiglieri di opposizione hanno definito “sistema Pd”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: